SCUOLE, OSPEDALI, PALESTRE…E AMIANTO! (parte 2)

Proseguiamo a parlare di amianto con Maura Crudeli, Presidente dell’AIEA, come nella prima parte del nostro articolo che potete leggere qui

In questa parte poniamo domande specifiche a Maura:

Cosa è l’AIEA?

“L’AIEA (Associazione Italiana Esposti Amianto) è una parte di Medicina Democratica che si occupa particolarmente dell’amianto, si è costituita nel 1987 a Casale Monferrato col nome di Associazione Esposti Amianto. Poi, in conseguenza all’aumento della consapevolezza del pericolo amianto, si sono formate sezioni in varie parti d’Italia e ha costituito rapporti con altre associazioni nel mondo. Si è aggregata a Ban Asbestos, associazione mondiale, quindi ha aggiunto “Italiana” al proprio nome.”

Perché l’amianto è così pericoloso?

“L’amianto è così pericoloso perché le sue fibre sono piccolissime, pochi micron di diametro che riescono a penetrare nelle nostre cellule, sono molto lunghe ed ogni fibra ne perfora più di una. E’ un minerale inerte e quando i nostri macrofagi lo aggrediscono non riescono a digerirlo, muoiono ed arrivano altri macrofagi per eliminare l’intruso, che però subiscono la stessa sorte dei loro predecessori. L’operazione continua a ripetersi, fino a che si genera la malattia.”

Quali sono i danni che può provocare alla salute?

“La quasi totalità delle malattie si sviluppa nei polmoni con placche pleuriche, asbestosi, carcinoma polmonare e il tremendo mesotelioma pleurico. La sua azione colpisce anche altre parti molli del nostro corpo causando molte altre malattie, quali: mesotelioma peritoneale, tumori alla laringe, faringe, al colon, all’ovaio e alla tunica vaginale del testicolo.”

L’amianto è stato molto usato in passato, in particolar modo nell’edilizia grazie alle sue proprietà. Da qui nasce forse la sua derivata più temibile e conosciuta: l’eternit. Tutti i tipi di amianto, nelle sue diverse lavorazioni, hanno lo stesso grado di pericolosità?

“L’eternit non è il maggior diffusore di fibre d’amianto. Bisogna ben distinguere tra due tipologie: amianto friabile ed amianto compatto. Il primo è composto quasi esclusivamente da amianto, fino a superare il 90%, l’amianto compatto contiene fibre di amianto, in percentuali molto inferiori, inglobate in altri materiali. Nel caso dell’eternit l’amianto è aggiunto al cemento, al massimo fino ad una percentuale del 15%.

La quasi totalità dei decessi per l’amianto ha colpito lavoratori che manipolavano l’amianto, che sono stati esposti a dosi massicce e per tempo prolungato. Da alcuni anni hanno aumentano il numero di decessi anche per persone che non hanno mai toccato l’amianto o materiale contenente amianto, il loro numero è destinato ad aumentare perché anche l’amianto compatto, con la sua vetustà, rilascia fibre d’amianto. I manufatti in cemento non sono eterni, termine a cui allude la definizione commerciale di eternit, ma degradano. Dopo pochi anni di esposizione alle intemperie la superficie esterna perde consistenza ed ogni metro quadrato libera tre grammi di amianto l’anno. I tre grammi sono un peso molto piccolo, le fibre di amianto sono infinitesimali, per fare un milligrammo servono 300.000 (trecentomila) fibre. Una stima, per difetto, delle coperture ancora presenti in cemento amianto ha stabilito che ci sono 2.500 chilometri quadrati.”

Secondo il CNR sono 96mila i siti contaminati da amianto censiti. Non di rado si viene a conoscenza della presenza di amianto in edifici come scuole, palestre o strutture aperte al pubblico, quali rischi corrono le persone che hanno frequentato assiduamente quei luoghi?

“I siti considerati dal CNR sono i siti di interesse nazionale o regionale con una superficie molto estesa, di parecchie migliaia di metri quadrati. Nella maggior parte dei casi sono quei siti in cui ci sono state molte malattie, soprattutto professionali, asbesto correlate. Il pericolo dell’amianto si trova in tutte le zone antropizzate.”

Da quasi trent’anni è accertata la pericolosità della presenza di amianto nel campo dell’edilizia. Quali sono le leggi che attualmente regolano la materia e cosa affermano in sintesi?

“Le leggi che regolano la materia sono più di quattrocento. Riguardano moltissimi argomenti: la manutenzione dei materiali contenenti amianto, il divieto di dispersione di fibre d’amianto, le modalità di intervento, i controlli sanitari a cui devono essere sottoposti gli esposti all’amianto e molto altro ancora.”

Attualmente, si può dire che in Italia la legge viene rispettata in pieno?

“Un numero così alto di leggi genera confusione, alcune leggi contrastano con altre. Un decreto ministeriale del 1994 impone che tutti i proprietari di immobili in cui ci sia materiale contenente amianto devono nominare il responsabile amianto, con compiti ben specifici.”

Non di rado si viene a conoscenza della presenza di amianto in edifici come scuole, palestre o strutture aperte al pubblico. Possiamo dire che gli enti proprietari sarebbero dovuti intervenire già in passato o la presenza di amianto è “tollerabile” dalla legge in alcuni casi? …e se si quali?

“Tutti i proprietari di strutture, non solamente pubbliche, devono intervenire. La valutazione del rischio amianto devono farla tutti, solamente nel caso in cui l’amianto non si disperda si può lasciare tale e quale.”

Cosa deve fare un normale cittadino qualora venga a conoscenza della presenza di amianto in una struttura pubblica o privata?

“Il comportamento varia da regione a regione, una soluzione valida in tutta Italia è la segnalazione al sindaco, tramite raccomandata o posta certificata.”

Cosa può fare un cittadino nel caso abbia contratto una patologia a causa della presenza di amianto nell’ambiente lavorativo o a causa di una esposizione a sua insaputa?

“Se la patologia è stata causata dall’attività lavorativa deve fare richiesta del riconoscimento all’INAIL.

Nel caso la sua malattia sia causata da inquinamento ambientale conviene iscriversi al registro degli esposti all’amianto, in alcune regioni è stato istituito un protocollo sanitario, che si rivolge a strutture specializzate.”

Ringraziamo per la collaborazione Maura Crudeli (Presidente Aiea), Valentino Gritta (Vicepresidente Aiea) e Silvana Zambonini (Presidente Aiea Lazio).

Link AIEA: www.associazioneitalianaespostiamianto.org

A questo punto vogliamo fare delle considerazioni nostre.

L’amianto? E’ importante continuare a parlarne, mantenere alto e vivo l’interesse di ogni singolo cittadino per non permettere a nessuno di sottovalutare questo problema. In fondo potrebbe trovarsi ovunque, nelle scuole, nel nostro palazzo, in quello del vicino o nel fabbricato abbandonato e affascinante che tutte le mattine incontriamo e osserviamo andando a lavoro.

Tutti dovrebbero denunciare subito la presenza, accertata o dubbia che sia, di questo materiale al fine di tutelare se stesso e gli altri.

Le Istituzioni, gli enti pubblici e le amministrazioni comunali hanno il dovere, accertata la presenza di amianto in una struttura, soprattutto se pubblica e ad uso collettivo, di procedere a tutte le bonifiche previste dalla legge, informando tempestivamente la comunità con rispetto e responsabilità.

“Fiocco di lana”: vincitrice del concorso nelle scuole di tutta Italia: “Scrivi un testo sull’amianto e il diritto alla salute”. https://www.youtube.com/watch?v=q2PR90gPOnU

By SACANDRO e BARZ

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.