FABRIANO… ARTE, ACQUARELLO E DIRITTI

il

Fabriano, domenica pomeriggio. Baldanzosi attraversiamo i vicoli del centro storico per giungere dinnanzi a uno degli antichi palazzi cittadini, dove, con pazienza, ci sta aspettando Clelia, la guida che ci permetterà di non perderci in un mondo di colori ed emozioni.

Il mondo di “Fabriano in Acquarello”. Un mostra organizzata da “InArte Fabriano”, che conta circa 1200 opere di pittura ad acquarello classico o in aggiunta di acrilico e/o con utilizzo di pennino, provenienti da oltre 70 Paesi del mondo. Opere in originale che ogni anno arrivano all’evento per tornare poi all’autore a fine mostra, che quest’anno avrà termine il 31 ottobre. InArte Fabriano ha contatti, in ogni nazione partecipante, con un “leader” e un rappresentante, che si occupano di ricercare e selezionare opere sempre nuove da poter esporre ogni anno. Alcune di queste opere rimangono, per volontà dell’autore, al museo dell’acquarello, sito in altro luogo della città, che ne conta ormai circa 800 in dotazione permanente. L’evento non è competitivo, ma solo espositivo e i visitatori hanno la possibilità, su richiesta, di entrare in contatto direttamente con l’artista. Vi possiamo garantire che girare per la mostra è come viaggiare tra mille realtà.

Passare da un’immagine all’altra è come lottare con se stessi, tra la voglia di posare lo sguardo su ciò che non si è ancora visto e la voglia di non lasciare quello da cui si è stati rapiti. Notiamo anche un brand-point dove vengono esposti materiali e prodotti, classici o innovativi, per esperti pittori o volenterosi principianti.

Un’altra piacevole sorpresa ci aspetta: una mostra nella mostra, “L’arte che racconta… i diritti umani, sociali e civili”. Parole e immagini. Poesia e dipinto. Le poesie che narrano i diritti umani con accanto ad ognuna di esse il dipinto di artisti capaci di trasporle in immagini creando un “effetto speciale”. La mostra assume poi un aspetto dinamico con la lettura di poesie, avvalendosi di un ulteriore location come quella de “Il borgo della lettura” di Serra S. Quirico. Piccoli eventi nell’evento, a sua volta racchiuso nella mostra principale per un effetto matrioska minuziosamente studiato. Gli scritti, le letture e le immagini costituisco i tre vivaci ruscelli che confluiscono in un possente fiume di emozioni da cui straripano le nostre riflessioni. Clelia ci racconta che l’idea è nata osservando il calendario, dove si possono notare le numerose giornate internazionali dedicate ai diversi diritti umani nel mese di marzo, mese in cui si celebra anche la giornata della poesia. Poi aggiunge: “Ritengo che la mostra sui diritti umani, sociali e civili, sia un esperimento molto importante poiché mette in evidenza l’arte relazionale. In base ad essa l’unione tra la parola scritta e l’arte visiva è fondamentale perché instaura un rapporto comunicativo tra gli artisti.


La dicotomia, nascente dalla relazione tra due gruppi, si ricompone nell’unione di parole e immagini. Difatti da “Tra Parole e Immagini” (gruppo promotore di questa iniziativa https://traparoleeimmagini.wixsite.com/traparoleeimmagini ) sono stati selezionati principalmente i poeti e da “InArte”, gli artisti visivi: metterli in relazione è stato il difficile esperimento della mostra”.

Mezzi comunicativi definiti a torto inusuali, per rivolgersi al grande pubblico, in un connubio dal forte impatto. Da non perdere per gli amanti dell’arte.

Se volete saperne di più:

https://www.inartefabriano.it/home.php

https://www.facebook.com/groups/traparoleeimmagini

https://www.facebook.com/inartefabriano.it

by SACANDRO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.